TERMOSCANNER

La guerra al coronavirus si combatte anche con i termoscanner

I termoscanner per rilevare la temperatura corporea saranno uno degli strumenti più utilizzati durante la Fase 2 di convivenza con il coronavirus per limitare la pandemia. Ce ne saranno in tutte le stazioni e negli aeroporti. In molti casi saranno installati anche all'ingresso dei supermercati e, più in generale, in tutti i luoghi affollati pubblici e privati.

Cos'è il termoscanner e perché sarà utile contro il coronavirus

Il termoscanner è un dispositivo che in realtà esiste già da tempo ed è strumento prezioso in diversi ambiti. In medicina, è utilizzato per misurare la temperatura corporea e accertare eventuali patologie. Funziona grazie ad appositi sensori che intercettano il quantitativo di raggi infrarossi emesso da un corpo, traducendolo in immagini colorate (termografie). Per convenzione, colorazioni verdi azzurre e blu rappresentano graficamente le temperature più fredde; giallo, arancio e rosso, invece, indicano quelle più calde. I termoscanner rilevano la temperatura corporea di una persona a distanza:  per il contrasto della pandemia, è opportuno che in seguito a misurazioni superiori a 37.5 °C scattino il divieto d’accesso, l'invito a tornare a casa e a contattare il proprio medico curante. Per effetto del DPCM del 26 aprile, infine, tutti i lavoratori che all’ingresso delle aziende fanno segnare più di 37.5 di febbre devono essere rimandati a casa. 


Termocamere a riconoscimento facciale 

Tra i dispositivi più utilizzati per rilevare la temperatura corporea a distanza, c'è la termocamera a riconoscimento facciale singolo. Le grandi dimensioni del tablet in dotazione permettono di abbinarlo a una porta elettrica o a un tornello. Qualora la temperatura corporea rilevata dal singolo viso superi i parametri indicati, scatta un alert e viene impedito l'accesso al sito. 

Telecamera termografica 

Mentre le termocamere a riconoscimento facciale effettuano la rilevazione della temperatura di una sola persona alla volta, la telecamera termografica può rilevare fino a 30 soggetti contemporaneamente. Per questo, gli operatori consigliano di installarla in luoghi di grande passaggio, come - per esempio - le hall degli alberghi, oppure all'ingresso di grandi ambienti. Viste le caratteristiche del dispositivo sono sempre più numerose le aziende, i centri commerciali e gli hotel che ne hanno fatto richiesta. 

Termoscanner anti coronavirus: le rilevazioni sono affidabili?

I prodotti di ultima generazione, dotati di sensori sempre più efficienti, stanno ridefinendo le modalità di rilevazione della temperatura corporea. Grazie alle loro caratteristiche, infatti, offrono prestazioni molto affidabili. La loro presenza nei luoghi pubblici, nelle aziende e in tutti i locali affollati sarà decisiva per tenere sotto controllo il temuto contagio. 




 

Richiedi una consulenza

 (Richiesto)
 (Richiesto)
 (Richiesto)
 (Richiesto)
 (Richiesto)

Rilascio il pieno utilizzo dei dati da me qui riportati dopo aver letto e compreso in ogni sua parte l'Informativa così come previsto dal regolamento europeo GDPR 2016/679.